|

martedì 21 novembre 2017

Predire l’efficacia della dieta nel diabetico

La semplice valutazione del dispendio energetico postprandiale predice la perdita di peso nel diabetico

NUTRIZIONE
imm1La terapia dietetica è un approccio essenziale per il trattamento del diabete di tipo 2 non solo per il miglioramento del controllo glicemico ma anche per la riduzione del rischio di complicanze.
Nella pratica clinica, tuttavia, esistono grandi variazioni individuali nell'efficacia della terapia dietetica per la riduzione del peso corporeo. La variazione di peso corporeo è il risultato dell'equilibrio tra il dispendio energetico (EE) e l'apporto energetico nella dieta. Pertanto, l'EE dovrebbe essere un determinante critico delle differenze individuali nel cambiamento di peso corporeo con la terapia dietetica.
 
EE è costituito da tre componenti: attività fisica, metabolismo basale (BMR) e termogenesi indotta da dieta (DIT). Il BMR rappresenta circa il 60% di EE, include il metabolismo a riposo di tutti gli organi ed è principalmente determinato dalla massa muscolare e grassa. Sebbene i soggetti sovrappeso e obesi abbiano un BMR più elevato rispetto a quelli sani a causa dell'aumentata massa grassa, un basso BMR è considerato un potente predittore per lo sviluppo dell'obesità.
DIT è dovuto alla digestione e all'assorbimento degli alimenti e persiste per 5-6 ore dopo un pasto; rappresenta circa il 10% del EE giornaliero.
Diversi studi, ma non tutti, hanno indicato che la DIT o la termogenesi indotta da glucosio (GIT) è diminuita negli individui obesi.
 
Un gruppo di ricerca giapponese  ha cominciato ad indagare l'EE a riposo alle 09:00 dopo un digiuno notturno (dispendio energetico a digiuno, FEE) e alle 15:00 nello stato post-prandiale (dispendio energetico post-prandiale, PPEE). In questo studio, il PPEE era significativamente più alto di FEE e l'incremento postprandiale di EE (ΔEE) corrispondeva alla quantità stimata di DIT.
Per approfondire queste relazioni, lo stesso gruppo ha esaminato le associazioni di EE con il cambiamento di peso corporeo e altre misurazioni cliniche in pazienti ospedalizzati con diabete di tipo 2 sottoposti a terapia dietetica.
 
Sono stati arruolati un totale di 100 pazienti (34 donne e 66 uomini) con diabete di tipo 2, ospedalizzati per il controllo glicemico. I partecipanti hanno ricevuto una dieta ipocalorica durante il loro ricovero in ospedale (in media, 15 giorni). L'EE è stato misurato a digiuno (FEE) e post-prandiale (PPEE) usando la calorimetria indiretta. ΔEE è l’incremento postaprandiale da FEE e PPEE (ΔEE = PPEE-FEE).
 
FEE, PPEE e ΔEE erano 0.997 ± 0.203, 1.104 ± 0.213 e 0.107 ± 0.134 kcal / min, rispettivamente.
Il peso corporeo è diminuito da 68,7 a 66,8 kg durante il ricovero.
FEE e PPEE correlavano direttamente con altezza, peso corporeo, indice di massa corporea e circonferenza addominale al momento del ricovero,  ΔEE non era correlato con queste misurazioni antropometriche mentre era inversamente correlato al cambiamento di peso corporeo. L'associazione tra ΔEE e il cambiamento di peso corporeo era indipendente dall'età, dal sesso e dall'HbA1c.
 
Esistono diversi meccanismi potenziali alla base della relazione tra ΔEE e l'efficacia della terapia dietetica. Per quanto riguarda il cambiamento di peso corporeo, ΔEE, ma non FEE, era inversamente correlato con il cambiamento di peso corporeo, suggerendo che la DIT piuttosto che il BMR è un fattore importante per le differenze individuali nel cambiamento di peso corporeo a dieta. Sebbene DIT rappresenti solo il 10% circa dell'EE giornaliero, l'importo contribuirebbe alle differenze individuali nel totale EE. Allo stesso tempo, poiché il DIT dovrebbe essere largamente influenzato dall'attività del sistema nervoso simpatico (SNS), il ΔEE può in parte rappresentare l'attività SNS che influenza la regolazione del peso corporeo. In effetti, la relazione tra attività SNS (valutata dalla concentrazione di norepinefrina postprandiale) e l'efficacia della terapia dietetica è stata riportata nei caucasici obesi.
Diverse relazioni hanno anche suggerito l'importanza della DIT per la riduzione del peso corporeo nel trattamento chirurgico dell'obesità grave. Poiché la DIT dipende in parte dalla digestione degli alimenti e dai processi di assorbimento, i cambiamenti morfologici dell'intestino dopo il bypass gastrico (ad esempio un aumento dello spessore della parete intestinale, un allungamento dell'intestino o una maggiore massa) potrebbero aumentare la richiesta di energia per i processi digestivi. Allo stesso tempo, il bypass gastrico aumenta i livelli postprandiali degli ormoni intestinali e modifica una composizione del microbiota intestinale, che può modulare il dispendio energetico.
 
L'aumento postprandiale del dispendio energetico può essere un fattore determinante nella riduzione del peso nei pazienti con diabete di tipo 2 in terapia dietetica. Come semplice surrogato della termogenesi indotta dalla dieta, il ΔEE può servire come utile indicatore predittivo per l'efficacia della terapia dietetica.
 

Autori: Sanoyama D, Nagao M, Asai A, Nakamura Y, Sato K, Nakajima Y, Oikawa S, Sugihara H.
Fonte:. J Atheroscler Thromb. 2017 Apr 3;24(4):422-429. doi: 10.5551/jat.35303. Epub 2016 Sep 7
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5392480/    
 
Dietosystem, da sempre a fianco dei nutrizionisti italiani, ha appena rilasciato una nuova versione della Suite Nutrizionale, il software che fa da cassetta degli attrezzi per il professionista della nutrizione.  La Suite coniuga l’analisi alimentare, l’analisi della composizione corporea, del dispendio energetico e la plicometria per arrivare al trattamento dietetico super personalizzato.