|

martedì 23 marzo 2021

AGE’s cutenaei: ottimi markers!

Predicono le complicanze del diabete

Ricerca Clinica e di Base
Immagine diabeteI prodotti finali della glicazione avanzata (AGE) sono molecole eterogenee prodotte dalla glicazione non enzimatica di proteine, lipidi o acidi nucleici durante l'iperglicemia. L'accumulo di AGE nei nervi periferici è stato recentemente proposto come ulteriore fattore di rischio per lo sviluppo della neuropatia diabetica (DN).

Il gold standard per la misurazione degli AGE legati al tessuto è la biopsia tissutale. Tuttavia, la loro valutazione con il metodo più recente, veloce e semplice di autofluorescenza cutanea (sAF) ha acquisito particolare interesse in virtù della sua natura non invasiva, altamente riproducibile e della sua correlazione accettabile con il metodo di riferimento della biopsia cutanea.

È stato dimostrato che l'accumulo di AGE tissutali valutati da sAF è correlato in modo indipendente con DN. Le prove scientifiche sottolineano il loro valore potenziale come primi biomarcatori della complicanza. Altre importanti associazioni includono la nefropatia diabetica, la retinopatia diabetica e la neuropatia autonomica cardiovascolare.

La revisione

Una recente revisione ha riassunto criticamente le prove scientifiche esistenti sull'associazione tra gli AGE della pelle e le complicanze microvascolari diabetiche, con una particolare enfasi sulla neuropatia diabetica. Sembrano aumentare prima della compromissione dei parametri di conduzione nervosa, dell'insorgenza dei sintomi o dell'aumento della soglia di percezione delle vibrazioni. Vista la natura non invasiva della valutazione degli AGE cutanei, sarebbe opportuna una loro valutazione nelle popolazioni a rischio.

Sono attesi studi di follow-up più lunghi per chiarirne il ruolo e fornire dati sulla selezione dei pazienti e sul rapporto costo-efficacia.
 

Author:Stella Papachristou, Kalliopi Pafili, Nikolaos Papanas

Source:BMC Endocr Disord. 2021 Feb 23;21(1):28. doi: 10.1186/s12902-021-00697-7.