|

martedì 23 luglio 2019

Fibromialgia e microbioma: le prime prove di un legame

Alterazioni significative di 19 specie batteriche

Ricerca Clinica e di Base
imm3I ricercatori canadesi hanno scoperto che le donne con fibromialgia presentavano differenze significative in 19 specie di batteri intestinali rispetto ai controlli sani. Avevano anche livelli sierici più elevati di butirrato e livelli più bassi di propionato.
Inoltre, gli algoritmi di intelligenza artificiale hanno dato una accuratezza della previsione diagnostica dell'87% - 88%!
Questa è la prima dimostrazione di alterazione del microbioma intestinale nel dolore non viscerale.
 
La diagnosi di fibromialgia è abbastanza impegnativa, quindi uno strumento diagnostico basato sulla flora intestinale potrebbe essere un aiuto molto utile per i clinici.
 
Il microbiota intestinale è coinvolto in una varietà di patologie metaboliche, cardiovascolari, oncologiche, neurologiche e disturbi psichiatrici; alcuni dei circuiti che sono coinvolti in condizioni psichiatriche e neurologiche sono anche coinvolti nel dolore cronico.
 
Gli investigatori hanno arruolato 77 donne con fibromialgia che avevano un'età compresa tra i 30 ei 60 anni (età media, 46 anni) e le hanno confrontate con controlli sani. Il tempo medio di diagnosi era 12 anni prima del reclutamento.
Non ci sono state differenze significative tra i gruppi nell'assunzione di vitamine, minerali, alcol, caffeina, zucchero, acidi grassi e fibre. Anche i punteggi complessivi sulla qualità della dieta non erano significativamente differenti.
I risultati hanno trovato alterazioni significative nella composizione del microbioma intestinale quando hanno analizzato i dati a una "risoluzione più alta".
 
Diciannove specie di taxa erano significativamente differenti nei pazienti con fibromialgia rispetto ai partecipanti allo studio non collegati. Quelli che erano meno abbondanti includevano Faecalibacterium prausnitzii, Bacteroides uniformis, Prevotella copri e Blautia faecis.
 
Le specie più abbondanti  includevano Intestinimonas butiridiproducente, Flavonifractor plautii, Butyricoccus desmolans, Eisenbergiella tayi, Eisenbergiella massiliensis e Parabacteroides merdae.
 
I livelli sierici di acido butirrico erano significativamente più alti e i livelli di acido propionico erano più bassi nel gruppo con fibromialgia rispetto al gruppo di controllo non correlato.
C'era anche una correlazione significativa tra le misure di gravità della malattia, tra cui intensità e distribuzione del dolore, stanchezza e sintomi cognitivi, e un'abbondanza di diversi taxa.
 
Per molti anni, poiché la fibromialgia è così difficile da diagnosticare e si è basata su rapporti soggettivi e non su valutazioni cliniche, molte persone non credevano che esistesse la fibromialgia e i pazienti a volte erano messi in dubbio da familiari, amici e persino medici.
Questi risultati possono aiutare a spiegare parzialmente perché approcci nutrizionali come l'aumento di polifenoli attraverso l'assunzione di frutta e verdura possono migliorare i sintomi della fibromialgia e la qualità della vita.
 

Autori: Minerbi, Ami; Gonzalez, Emmanuel, Brereton, Nicholas J.B,  Anjarkouchian, Abraham, Dewar, Ken; Fitzcharles, Mary-Ann7; Chevalier, Stéphanie; Shir, Yoram
Fonte: PAIN: June 18, 2019 - Volume Articles in Press - Issue - pdoi: 10.1097/j.pain.0000000000001640
Link della fonte:https://journals.lww.com/pain/Abstract/publishahead/Altered_microbiome_composition_in_individuals_with.98647.aspx