|

venerdì 24 gennaio 2014

Un nuovo procedimento per sviluppare nuovi farmaci anti-diabete

Una nuova piattaforma di sviluppo permetterà di testare un numero sempre più ampio di nuovi composti, più rapidamente e analizzando direttamente l’effetto a livello cellulare.

Ricerca Clinica e di Base
drug discovery

Una nuova strategia di studio nella ricerca farmacologica del diabete permetterà uno sviluppo più rapido di composti dotati di proprietà estremamente selettive. Si tratta della metodica di screening fenotipico, e cioè dell’analisi automatizzata diretta dell’effetto di una serie di composti sulla vitalità cellulare.

Questa strategia non rappresenta una totale novità della ricerca farmacologica ma oggigiorno beneficia di nuove tecnologie complementari come il profiling dell’attività proteica, che permette di stabilire direttamente il bersaglio molecolare dei composti che determinano una risposta cellular farmacologicamente interessante.

Questo passo avanti metodologico permette infatti di ridurre enormemente i tempi che normalmente venivano richiesti per l’identificazione del bersaglio farmacologico delle molecule bioattive testate.

Con questo approcio è stato recentemente identificato il bersaglio molecolare di alcuni composti che sono in grado di promuovere l’accumulo di lipidi all’interno degli adipociti, le cellule che costiuiscono il tessuto adiposo, e che quindi possiedono un potenziale valore farmacologico. Stiamo parlando dell’enzima carbossilesterasi 3 (Ces3 o Ces1d), la cui esperssione è particolarmente levata durante il processo di differenziamento degli adipociti.

Questo bersaglio farmacologico è stato quindi testato nell’animale da laboratorio, dove il modello sperimentale del diabete-obesità veniva trattato con alcuni composti dotati di attività inibitoria sull’enzima Ces3, i quali si rivelavano particolarmente efficaci nel correggere alcuni aspetti patologici della sindrome metabolica.

Source:Eduardo Dominguez, Andrea Galmozzi, Jae Won Chang et al. Integrated phenotypic and activity-based profiling links Ces3 to obesity and diabetes Nature Chemical Biology 10,113–121 (2014)