|

martedì 24 gennaio 2017

Fin dall’adolescenza, occhio all’insulino resistenza

Obesità: pericolo di insulino-resistenza anche nei giovani

OBESITÀ INFANTILE
imm1L'insulino-resistenza è comune tra gli adolescenti obesi; una revisione sistematica di PubMed-Medline, CINAHL, il Web of Science, EMBASE e Scopus ha incluso gli studi osservazionali che valutano i componenti che definiscono l'insulino-resistenza (insulina, C-peptide e HOMA-IR) in adolescenti obesi (12-18 anni) rispetto ad adolescenti non-obesi.

I 31 studi inclusi consideravano  8655 partecipanti.

In 26 studi, i livelli di insulina a digiuno erano più alti negli adolescenti obesi rispetto agli adolescenti non obesi (MD = 64.11 pmol / L, 95% CI 49,48-78,75, p <0,00001).

In tre studi, i livelli di C-peptide erano più alti negli adolescenti obesi rispetto agli adolescenti non obesi (MD = 0,29 nmol / L, 95% CI 0,22-0,36, p <0,00001).

In 24 studi, i valori HOMA-IR erano più alti negli adolescenti obesi rispetto agli adolescenti non obesi (MD = 2.22, 95% CI 1,78-2,67, p <0,00001).

L'eterogeneità degli effetti tra gli studi è stata da moderata a elevata.

Nei ragazzi obesi è quindi importante valutare la presenza di insulino-resistenza e monitorare la funzionalità metabolica durante un intervento per la perdita di peso.

Dieta e esercizio fisico potrebbero far regredire la resistenza periferica all’insulina ed evitare la progressione verso patologie irreversibili.

Nei ragazzi, bisogna intervenire in fretta, per il loro bene.

Per approfondire:

http://citeseerx.ist.psu.edu/viewdoc/download?doi=10.1.1.487.5235&rep=rep1&type=pdf
http://ajpendo.physiology.org/content/277/6/E1130.long
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3185302/


L’impegno di DS Medica è quello di mettere a disposizione dei nutrizionisti piani alimentari personalizzati e terapie nutrizionali che applicano le più recenti linee guida a seconda dell’età dei ragazzi:  fino ai 14 anni con la versione pediatrica, dai 15 anni in poi con la suite nutrizionale.

Clicca qui per richiedere informazioni

Clicca qui per accedere all’offerta di DS Medica
 


 
Autori: Thota P, Perez-Lopez FR, Benites-Zapata VA, Pasupuleti V, Hernandez AV
Fonte: Gynecol Endocrinol. 2017 Jan 19:1-6. doi: 10.1080/09513590.2016.1273897.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28102091