|

martedì 24 novembre 2020

La sclerosi sistemica può favorire la malnutrizione

Implicazioni gastro-intestinali

PATOLOGIA
Immagine pazienteLa sclerosi sistemica (SSc) è una malattia reumatica auto-immune cronica e rara che colpisce il tessuto connettivo portando ad alterazioni degenerative e sclerosi cicatriziale di cute, articolazioni e organi interni, oltre ad anomalie dei vasi sanguigni.

Non esiste una cura, ma si possono gestire i sintomi. Importante è la diagnosi precoce che comprende l’analisi capillaroscopica dei capillari periungueali delle dita della mano.

Il tratto gastrointestinale (GI) è spesso colpito dalla malattia, con difficoltà alla deglutizione, reflusso ed esofago di Barrett, oltre che malassorbimento intestinale. Tutto ciò predispone alla malnutrizione. 

Pochi studi hanno valutato la composizione corporea in pazienti ambulatoriali con SSc o hanno utilizzato metodi differenti per il confronto nel tempo. 

Uno studio recente ha arruolato consecutivamente 168 pazienti ambulatoriali con SSc ed eseguito un follow-up di un anno. 

Sulla base dei punteggi MUST per la malnutrizione, il 12% dei pazienti era ad alto rischio e il 14% a medio rischio di malnutrizione. Un basso indice di massa corporea è stato associato al coinvolgimento dell'intestino tenue (p <0,0001). La percentuale di grasso corporeo era correlata al BMI, sia quando si utilizza l'antropometria a quattro siti (r = 0,65, p <0,01) che la BIA (r = 0,49, p <0,01). 

Nove (7%) pazienti hanno avuto una perdita di peso involontaria > 5% al ​​follow-up. I predittori basali indipendenti di perdita di peso involontaria includevano il coinvolgimento del tratto gastrointestinale superiore e la gravità della malattia stimata dal punteggio dell'indice di disabilità del questionario di valutazione della salute.

Il rischio nutrizionale e il coinvolgimento GI sono frequenti e strettamente correlati nei pazienti con SSc. 

La BIA e l'antropometria a quattro siti sono comparabili nella valutazione clinica dei pazienti con SSc.

La perdita di peso involontaria è discreta e correlata alle caratteristiche specifiche della malattia.
 

Author:Christian L Hvas, Elizabeth Harrison, Marcel K Eriksen, Ariane L Herrick, John T McLaughlin, Simon Lal

Source:Clin Nutr ESPEN. 2020 Dec;40:164-170. doi: 10.1016/j.clnesp.2020.09.030.