|

lunedý 25 marzo 2013

Frutta nel diabetico non influenza controllo glicemico

La riduzione del consumo di frutta nei pazienti affetti da diabete di tipo 2 non avrebbe alcun impatto sul metabolismo del glucosio e sulle dinamiche corporee.

NUTRIZIONE
frutta diabete

La riduzione del consumo di frutta nei pazienti affetti da diabete di tipo 2 non avrebbe alcun impatto sul metabolismo del glucosio e sulle dinamiche corporee. Questa l’evidenza che emerge da un recente studio danese condotto dai ricercatori dell’Università di Aarhus, i quali smentiscono così la posizione di alcuni nutrizionisti secondo cui quali il consumo di frutta nei diabetici sarebbe deleterio.

Le linee guida alimentari generali incentivano l’assunzione di frutta e verdura per via dell’effetto benefico delle fibre sulla salute, tuttavia gli zuccheri contenuti nella frutta potrebbero, a detta di alcuni, ostacolare il corretto controllo glicemico in presenza del diabete. Nessuno studio, tuttavia, ha fornito evidenza di un effetto deleterio.

Al contrario, il presente studio ha dimostrato che la drastica riduzione nel consumo di frutta da parte di pazienti recentemente diagnosticati con il disordine metabolico non determinava effetti significativamente diversi sui livelli di emoglobina glicosilata (HbA1c) e sulle dinamiche del peso corporeo rispetto a quanto osservabile a seguito di un intervento di terapia alimentare standard.

Secondo i ricercatori, non vi sarebbe alcuna necessità di raccomandare la riduzione, e tantomeno, l’abolizione totale del consumo di frutta nei pazienti diabetici, poiché gli effetti benefici di questi alimenti contrasterebbero decisamente qualunque loro impatto sul metabolismo degli zuccheri.

Source:Effect of fruit restriction on glycemic control in patients with type 2 diabetes -- A randomized trial Nutrition Journal 2013