|

martedý 25 maggio 2021

Mangiare di notte fa ingrassare?

Il peso della sindrome da alimentazione notturna in individui con e senza obesitÓ

Ricerca Clinica e di Base
Immagine frigoLa sindrome da alimentazione notturna (NES) fu descritta per la prima volta da Stunkard nel 1955 come un disturbo caratterizzato da anoressia al mattino, iperfagia alla sera e insonnia nei pazienti con obesità resistente al trattamento.

La prevalenza della NES è stata studiata per la prima volta nei pazienti obesi e l'incidenza è stata riportata tra il 6% e il 16%, mentre è stato riportato che la frequenza della NES variava tra il 4,3% e il 14% nelle persone in cerca di trattamento per perdere peso.

In uno studio condotto su persone di peso normale, la frequenza di NES è risultata pari allo 0,4%. In generale, la prevalenza della NES è riportata come 1–1,5% nella popolazione adulta.


Lo studio

Uno studio recente ha indagato la frequenza e la relazione tra la sindrome da alimentazione notturna nei partecipanti obesi e non obesi.

Hanno partecipato 420 persone di età compresa tra 18 e 65 anni. I dati sociodemografici dei partecipanti, il Night Eating Questionnaire (NEQ) e il Beck Depression Inventory (BDI) sono stati somministrati con la tecnica dell'intervista faccia a faccia.

L'età media dei partecipanti era di 42 ± 13 anni e il 68,6% era di sesso femminile. L'indice di massa corporea (BMI) medio dei partecipanti era 31,8 ± 8,2.

La prevalenza di NES era del 10%!

La maggiore frequenza di NES nei pazienti con obesità patologica è risultata statisticamente significativa rispetto a quelli senza obesità patologica.

Il punteggio BDI medio era 23,5 ± 10,86 nel gruppo NES e 12,18 ± 88,95 nel gruppo non NES. Una differenza significativa tra i due gruppi.


Significato clinico

Poiché l'obesità ha un posto importante nei servizi di assistenza sanitaria di base, è importante conoscere la relazione tra NES e depressione. Il riconoscimento della NES e la considerazione del follow-up e del trattamento pianificati nei richiedenti aiuteranno a trattare l'obesità in modo più efficace.
 

Author:Cuneyt Sutcu, Gulseren Pamuk, Kurtulus Ongel

Source:Endokrynol Pol. 19 maggio 2021. doi: 10.5603 / EP.a2021.0046.