|

luned́ 25 novembre 2013

Diabete tipo 1 e osteoporosi: una storia comune?

Il disordine metabolico e la malattia ossea sembrano condividere molti aspetti patogenetici, e la prima condizione potrebbe favorire la comparsa della seconda.

PATOLOGIA
diabete osteoporosi

Il diabete di tipo 1, una condizione caratterizzata da insulino-deficienza di natura tipicamente autoimmune, è frequentemente associato ad una scarsa densità ossea. Tuttavia non è nota la causa di questa situazione.

Probabilmente, la deficienza di insulina stessa potrebbe essere coinvolta nella patogenesi del disordine osseo, poiché questo fattore promuove tipicamente la crescita e l’acquisizione della resistenza da parte del tessuto osseo. Inoltre, la comparsa del diabete di tipo 1 si manifesta all’età in cui normalmente si assiste al raggiungimento del picco di massa ossea, cioè durante la giovinezza prima dei 30 anni.

È quindi possibile che i soggetti affetti dal disordine metabolico non raggiungano una condizione di adeguata densità ossea e siano quindi più proni al rischio di frattura osteoporotica da fragilità.

Non solo, molti individui affetti dal diabete presentano anche il morbo celiaco, una condizione tipicamente associata d una ridotta massa ossea.

Infine, è possibile che alcuni fattori conosciuto come citochine, prodotti da differenti tipi cellulari dell’organismo, ma prevalentemente dal sistema immunitario, siano contemporaneamente coinvolte nello sviluppo di entrambe le condizioni.

A questi fattori si aggiungono, inoltre, alcuni effetti secondari della malattia metabolica i quali intervengono negativamente nel promuovere le manifestazioni della fragilità ossea. Stiamo parlando, ad esempio, dei problemi della visione o di danno nervoso legati al diabete, i quali possono favorire il rischio di caduta e quindi di frattura.

L’ipoglicemia, anch’essa, può costituire un fattore di rischio notevole per le cadute. Infine, l’eccesso di peso corporeo caratteristico dei soggetti diabetici può rappresentare un fattore di rischio per l’osteoporosi, sia già citati rischi per le cadute, sia per lo stile di vita sedentario che può interferire nel mantenimento della resistenza ossea.

Source:The Diabetes–Osteoporosis Link - NIH Osteoporosis and Related Bone Diseases ~ National Resource Center