|

martedì 26 marzo 2019

Sempre fertili

Meno proteine per riprodursi più tardi?

NUTRIZIONE
imm1Nelle società occidentali, le donne tendono ad avere figli più tardi nella loro vita. Poiché l'invecchiamento riduce la fertilità, è importante capire in che modo le abitudini di vita influenzano il potenziale riproduttivo. 

Dato che la nutrizione influenza profondamente la riproduzione e che la nutrizione può essere controllata dall'individuo, è interessante sapere come e quali alimenti potrebbero preservare la fertilità in età avanzata. 

Per quanto riguarda l’alimentazione, anche se l'apporto calorico totale può determinare il potenziale riproduttivo femminile, è sempre più chiaro che l'equilibrio dell'assunzione alimentare dei tre macronutrienti, vale a dire proteine ​​(P), carboidrati (C) e grassi (F), ha un impatto profondo sulla funzione riproduttiva. 

In particolare, in uno studio su topi limitati a diete variabili nei rapporti di macronutrienti dallo svezzamento, sia il ciclo degli estrogeni che il tasso di ovulazione erano più alti con una dieta a basso rapporto P:C a mezza età. 

Allo stesso modo, in un altro lavoro pubblicato su EBioMedicine  è stata trovata una relazione simile tra proteine ​​alimentari e potenziale riproduttivo. In particolare, i topi femmina assumevano diete che variavano in rapporto P: C e il potenziale riproduttivo, valutato dalla riserva del follicolo primordiale ovarico, è stato massimizzato da un basso rapporto P:C. Quindi, poche proteine e molti carboidrati.

Questo è importante, poiché l'attivazione dei follicoli primordiali in fase di riposo è il primo passo della follicologenesi e la loro attivazione deve essere regolata per prevenire l'esaurimento prematuro della riserva follicolare ovarica. Uno dei punti salienti di questo studio è stata la conduzione di un test di riproduzione, che ha dimostrato che la percentuale di madri di un anno che hanno generato cucciolate era maggiore quando precedentemente alimentate con diete a basso rapporto P:C.

Quale potrebbe essere il / i meccanismo / i in base al quale il rapporto dietetico P:C influenza la fertilità e la riserva ovarica? 

Sebbene esistano meccanismi cellulari che influenzano le risposte agli amminoacidi, come mTORC1 e GCN2, l'ormone peptidico FGF21 è recentemente emerso come segnale endocrino di apporto di proteine ​​nella dieta e di equilibrio sistemico degli amminoacidi. Infatti, FGF21 è più alto, e mTORC1 ovarico inferiore, con le diete a rapporto P:C basso. 

FGF21 non sembra avere un effetto diretto sulla riserva del follicolo ovarico, in linea con la recente evidenza che FGF21 non ha un ruolo diretto nella fertilità, piuttosto può influire sulla fertilità influenzando il bilancio energetico. È stato dimostrato che FGF21 può influenzare la riserva ovarica almeno parzialmente tramite adiponectina. Tuttavia, le azioni metaboliche di FGF21 non sono mediate dall'adiponectina, e quindi possono essere dovute ad azioni dirette di adiponectina sul ciclo ovarico.

Mentre i risultati di questi studi potrebbero essere interpretati per suggerire che si potrebbe seguire una dieta a basso contenuto di proteine ​​per preservare la fertilità nell'invecchiamento, ci sono alcune considerazioni che non dovrebbero essere ignorate. In primo luogo, il dosaggio della restrizione proteica necessario per preservare la fertilità con l'età dovrebbe essere determinato empiricamente. Inoltre, è noto che anche le proteine ​​alimentari influenzano la fertilità maschile. Infine, la restrizione proteica della dieta può influenzare la crescita interuterina e può influenzare i caratteri della prole in termini di salute.
 
Leggi l’articolo originale in full text


Autori: Adam J. Rose
Fonte: EBioMedicine. 2019 Mar 11. pii: S2352-3964(19)30155-0. doi: 10.1016/j.ebiom.2019.03.015.
Link della fonte: https://www.ebiomedicine.com/article/S2352-3964(19)30155-0/fulltext