|

martedý 26 maggio 2020

Il risveglio del metabolismo

Finalmente ci si pu˛ muovere!

Ricerca Clinica e di Base
Immagine sportLa revisione sistematica e la meta-analisi hanno valutato l'effetto dell'aerobica, della resistenza e dell'esercizio combinato su RMR (Resting metabolic rate kCal · giorno-1) ed eseguito una valutazione metodologica dei protocolli di calorimetria indiretta nell'ambito degli studi inclusi. Le analisi dei sottogruppi includevano la restrizione di energia / dieta e cambiamenti nella composizione corporea.
Le esclusioni dei partecipanti includevano condizioni mediche che incidono sulla RMR, donne anziane (età ≥65 anni) o in gravidanza, in allattamento o in post-menopausa.
Sono stati identificati 1669 articoli; 22 sono stati inclusi nell'analisi qualitativa e 18 sono stati meta-analizzati. Gli interventi di allenamento (esercizio aerobico e di resistenza combinati) non hanno aumentato il tasso metabolico a riposo.
L’esercizio aerobico non ha influenzato l'RMR (MD: 81,65 kCal · giorno-1 [IC 95%: -57,81, 221,10], P = 0,25), mentre l'esercizio di resistenza ha aumentato l'RMR rispetto ai controlli (MD: 96,17 kCal · giorno- 1 [IC al 95%: 45,17, 147,16], P = 0,0002).
 
In un altro studio, i pazienti obesi di classe 3 con sensibilità normale all'insulina hanno mostrato una REE (Resting Energy Expenditure) a digiuno ridotta rispetto ai pazienti obesi insulino-resistenti e ai pazienti obesi con diabete di breve insorgenza.
I clinici hanno coinvolto 382 pazienti senza problemi di funzionalità tiroidea e li hanno separati in tre gruppi: pazienti con diabete di tipo 2 (T2DM; n = 70), pazienti non diabetici insulino-resistenti con HOMA-IR ≥ 3 (n = 236), pazienti non diabetici sensibili all'insulina con HOMA-IR <3 (n = 75).
 
Hanno misurato dispendio energetico a riposo (REE), composizione corporea e resistenza all'insulina valutate mediante calorimetria indiretta, bioimpedenza e HOMA-IR, rispettivamente.
 
I pazienti non diabetici sensibili all'insulina erano più giovani, con un indice di massa corporea più basso e una maggiore prevalenza di soggetti di sesso femminile; i pazienti non diabetici ma insulino-resistenti e i pazienti con T2DM non differivano in termini di parametri antropometrici.
Il REE era più alto nel T2DM rispetto agli individui non diabetici insulino-sensibili e insulino-sensibili, mentre il quoziente respiratorio era diverso tra i gruppi. L'analisi di regressione ha confermato che l'HOMA-IR era associato in modo indipendente al REE (R2 = 0,110, p <0,001).
 
I ricercatori suppongono che si verifichi un adattamento del metabolismo energetico in soggetti obesi con sensibilità all'insulina preservata attraverso la down-regolazione dello smaltimento ossidativo dei nutrienti.
 
Ecco che lo sport di resistenza, mettendo in moto il metabolismo, contrasta l’accumulo metabolico e la saturazione dei sistemi di regolazione.
 

Autori: Kristen MacKenzie-Shalders, Jaimon T Kelly, Daniel So, Vernon G Coffey, Nuala M Byrne
Fonte: J Sports Sci. 2020 May 12;1-15. doi: 10.1080/02640414.2020.1754716
Link della fonte: https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/02640414.2020.1754716