|

mercoledì 26 giugno 2013

Svezzamento del bambino: quanto presto, quali rischi?

L’introduzione precoce di cibi solidi nella dieta del bambino può esporre ad un maggiore rischio di sviluppare sovrappeso infantile.

NUTRIZIONE
svezzamento_obesita

Lo svezzamento precoce può determinare una maggiore suscettibilità del bambino allo sviluppo del sovrappeso infantile, tuttavia non è possibile stabilire un’età più indicata nella quale apportare le modifiche alimentari.

È questa la conclusione di un’analisi condotta dai ricercatori inglesi del dipartimento di scienze della nutrizione della University of Nottingham. Secondo le linee guida dell’organizzazione mondiale della medicina, l’allattamento deve rappresentare l’unica forma di alimentazione del bambino fino ai sei mesi dalla nascita e possibilmente protrarsi fino a due anni di età.

L’introduzione di alimenti complementari può iniziare ai sei mesi di età ed avvenire in forma progressiva e si ritiene che un passaggio inappropriato a questa fase alimentare possa essere una causa dello sviluppo dei disordini del peso corporeo nella primissima infanzia. Lo studio ha analizzato i risultati di numerose indagini recuperate sui principali database di letteratura scientifica, valutando la relazione tra l’età di introduzione di cibi solidi e disordini corporei.

21 studi dimostravano che lo svezzamento ad un’età inferiore a 3 mesi, 4 mesi e 20 settimane correlava con un indice di massa corporea (BMI) superiore durante l’infanzia. Uno studio, infine, dimostrava una relazione tra un’età di svezzamento inferiore a 15 settimane e l’accumulo di grasso corporeo.

Per quanto non sia emersa un’età precisa prima della quale è decisamente sconsigliabile evitare l’introduzione di cibi solidi per prevenire il sovrappeso infantile, i ricercatori hanno concluso che sarebbe meglio non apportare modifiche prima dei 4 mesi, e in generale più è ritardata l’interruzione dell’allattamento e meglio risulta essere per la salute del bambino.

Author:Pearce J, Taylor MA, Langley-Evans SC

Source:Int J Obes (Lond). 2013 May 27