|

martedý 26 giugno 2018

La dieta migliore di tutte

Quella che previene il cancro, esiste?

NUTRIZIONE
imm1Una pletora di dati epidemiologici e sperimentali ha dimostrato l'efficacia dei regimi dietetici geroprotettivi (ad es. restrizioni caloriche, digiuno, proteine ​​o singoli amminoacidi) nella prevenzione del cancro. Inoltre, tali modelli alimentari stanno emergendo per essere efficaci nell'uccidere selettivamente le cellule cancerose, mentre aumentano la resistenza delle cellule normali agli effetti tossici delle terapie antitumorali.

La restrizione calorica (CR), definita come il 30-60% in meno del fabbisogno calorico giornaliero è nota per estendere una vita sana dai lieviti ai mammiferi. La CR è particolarmente efficace nel ridurre l'incidenza, la massa e le metastasi delle cellule di cancro al seno. Sorprendentemente, l'applicazione di CR in combinazione con la radioterapia ha migliorato l'efficacia della radioterapia inducendo un'apoptosi più pronunciata delle cellule di cancro al seno rispetto alla sola radioterapia. Nell'uomo, tuttavia, la CR richiede che vengano mantenute compliance elevate per un adeguato periodo terapeutico.

Per queste ragioni, brevi periodi di digiuno senza malnutrizione sono stati proposti come interventi potenzialmente sicuri da associare ai trattamenti contro il cancro.

Il digiuno è comunemente definito come una privazione controllata dal tempo di tutti i tipi di alimenti e di nutrienti alimentari. Diversamente dal digiuno notturno, il digiuno controllato dal tempo porta ad una profonda riprogrammazione metabolica che sviluppa risposte adattive allo stress che sono coinvolte nell'estensione della vita e della salute. Tuttavia, le risposte adattive dello stress indotte dal digiuno che si verificano nelle cellule normali differiscono da quelle attivate dalle cellule tumorali perché gli oncogeni potrebbero limitare l'attivazione dei percorsi di percezione dei nutrienti aumentando la vulnerabilità alla chemioterapia.

In particolare, i proto-oncogeni come IGF1R, PI3K e AKT attivano il segnale di crescita e abituano le cellule cancerogene alle sostanze nutritive come glucosio e amminoacidi per soddisfare il loro alto tasso proliferativo. È stato dimostrato che diversi cicli di digiuno sono efficaci nel limitare la progressione del tumore in diversi modelli di cancro murino. I maggiori effetti sono stati osservati quando il digiuno è stato combinato con la chemioterapia convenzionale o la radioterapia. È interessante notare che in questi studi gli interventi di digiuno da soli non causano chiari segni di disagio, ma piuttosto migliorano le condizioni degli animali.

Gli effetti antitumorali del digiuno potrebbero anche fare affidamento sull'aumento di corpi chetonici. A sostegno di questa ipotesi, la meta-analisi sulle diete chetogeniche (KD), a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di grassi, ha suggerito un impatto salutare sulla sopravvivenza in modelli animali, con benefici prospetticamente legati all'entità della chetosi, al tempo di inizio della dieta e alla localizzazione del tumore. Altre prove hanno anche dimostrato che KD potrebbe essere tranquillamente usata come terapia adiuvante alle radiazioni e alle chemioterapie convenzionali.

Il digiuno sembra essere però più promettente come trattamento adiuvante nella terapia del cancro, per una più facile compliance dei pazienti.

Nonostante i recenti progressi nella terapia del cancro, la prognosi per molti malati di cancro rimane scarsa e gli attuali trattamenti mostrano ancora gravi eventi avversi. Pertanto, è urgente trovare trattamenti complementari che abbiano una tossicità limitata per il paziente e contemporaneamente aumentino le risposte terapeutiche nel cancro rispetto alle cellule normali. La dieta ha una forte capacità di modulare le risposte cellulari agli stimoli ambientali e mostra un grande potenziale nel migliorare la prognosi del cancro. Tuttavia, la maggior parte dei dati presenti in letteratura si avvantaggia dell'uso di topi e ciò può limitare la traduzione alla ricerca clinica. Pertanto, è ora necessaria un'enorme quantità di lavoro per confermare questi risultati molto promettenti negli esseri umani.

La privazione di nutrienti (ad es. Glucosio, amminoacidi solforati) e di fattori di crescita reattivi ai nutrienti (ad es. IGF-1) sembra uccidere selettivamente alte cellule tumorali proliferative / resilienti forzando il loro patrimonio glicolitico verso un metabolismo ossidativo (es. acidi grassi e corpi chetonici come fonti di energia) e limitando l'attività del GPX come conseguenza di livelli ridotti di GSH. La scarsità di nutrienti migliora anche l'immunometabolismo aumentando l'efficienza citotossica di CD8 + TIL all'interno della massa tumorale attraverso, probabilmente, il concomitante microbiota intestinale e riarrangiamenti immunometabolici.

Gli autori di questo articolo propongono cicli settimanali di 4 giorni di una dieta chetogenica moderata vegetale (k-PBD) che potrebbe riprogrammare il metabolismo sistemico conferendo un ambiente ostile alle cellule tumorali. In particolare, il k-PBD dovrebbe essere a basso contenuto di proteine ​​(principalmente proteine ​​vegetali a basso contenuto di amminoacidi e selenio), carboidrati (verdure non amidacee) e alto contenuto di lipidi (principalmente oli vegetali non trasformati ricchi di PUFA). Sorprendentemente, anche se non supportato da dati sperimentali, è previsto che questa dieta potrebbe essere in grado di aumentare la chetonemia poiché contiene elevate quantità di grassi in concomitanza con le calorie ridotte. Questa dieta potrebbe aumentare l'efficienza di CD8 + TIL, riprogrammando il loro metabolismo (metabolismo grasso-dipendente) per contrastare meglio le caratteristiche metaboliche delle cellule tumorali proliferanti (metabolismo glucosio-dipendente) e sensibilizzare le cellule tumorali alla terapia. Il k-PBD potrebbe essere consumato prima di terapie convenzionali di cancro (ad es., prima di ogni ciclo di chemioterapia o prima di una singola frazione di radioterapia).

Con questa composizione e il momento del trattamento, k-PBD potrebbe essere efficace nel:
  1. cambiare la chimica della membrana mediante l'arricchimento del PUFA (alto indice di perossidazione);
  2. ridurre il potere antiossidante zolfo-dipendente (abbassamento di NADPH, GSH, GPX4);
  3. forzare lo spostamento metabolico verso il metabolismo mitocondriale nelle cellule tumorali. Inoltre, le alte fibre fermentative del k-PBD potrebbero indurre un rimodellamento funzionale del microbiota migliorando l'efficacia dell'immunoterapia (ad es., Terapia anti-PD1).
Leggi l’articolo originale in full text
 
Autori: Lettieri-Barbato D, Aquilano K.
Fonte: Front Oncol. 2018 May 8;8:148. doi: 10.3389/fonc.2018.00148. eCollection 2018.
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5951973/
 
 
Dietosystem, da sempre a fianco dei nutrizionisti italiani, vi propone la Suite Nutrizionale, il software che fa da cassetta degli attrezzi per il professionista della nutrizione. 
La Suite coniuga l’analisi alimentare, l’analisi della composizione corporea e la plicometria per arrivare al trattamento dietetico super personalizzato.