|

martedì 28 gennaio 2014

Una caramella al giorno...

Nell’età dell’accrescimento, si raccomanda il consumo di cibi ricchi di nutrienti, anche se qualche caramella, non sembra influenzare il peso e la salute del cuore, nel lungo termine.

NUTRIZIONE
caramelle

In proposito sono stati studiati, un campione longitudinale di bambini con meno di 10 anni (n=355; 61 % femmine; 71 % europei-americani, il 29% afro-americani) che avevano già  partecipato a indagini trasversali 1973-1984 (al basale) e a una delle due indagini Bogalusa o LA (follow up), come giovani adulti [19-38 anni; 23.6 (2.6)]. I consumi alimentari sono stati raccolti utilizzando questionari di frequenza dei consumi tra i quali erano compresi i consumi di caramelle. 

Si è così evidenziato che oltre il 90% dei bambini che avevano riferito di consumare circa 45 gr di caramelle al giorno al basale, si riducevano al 67% con un consumo di circa 20 gr al giorno nel follow up. Inoltre, nessuna relazione longitudinale è stata dimostrata tra il consumo di caramelle al basale (nei bambini) e il valore del BMI o il rischio cardiovascolare nei giovani adulti, suggerendo che il consumo di caramelle non era predittivo di rischi per la salute nel lungo termine.

Fonti:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24382141
J Hum Nutr Diet. 2013 Dec 30. doi: 10.1111/jhn.12200. [Epub ahead of print]
Candy consumption in childhood is not predictive of weight, adiposity measures or cardiovascular risk factors in young adults: the Bogalusa Heart Study.