|

marted́ 28 novembre 2017

Un altro buon motivo per combattere l’obesità

Salvare i reni, per esempio

PATOLOGIA
imm4L'obesità è associata ad albuminuria e a malattia renale. Sebbene le stime di incidenza di danno renale nella popolazione generale siano scarse, questo si verifica nel 3,2% -9,6% dei ricoveri ospedalieri e nel 2,1% -22,1% dei pazienti ricoverati nelle unità di terapia intensiva in tutto il mondo.

Inoltre, l'insufficienza renale è associata a una morbilità sostanziale, tra cui la degenza ospedaliera prolungata, la malattia renale allo stadio terminale (ESRD), gli stadi precedenti della malattia renale cronica (CKD) e la mortalità a breve e lungo termine.

Alcune caratteristiche del paziente possono predisporre alla malattia renale.

Il danno renale può portare all’insufficienza renale cronica, valutata come diminuzione della velocità di filtrazione glomerulare stimata (eGFR) o elevata albuminuria.

Allo stesso modo, età avanzata, sesso maschile e razza afroamericana sono stati associati ad un rischio più elevato di malattia renale. Una meta-analisi ha valutato le associazioni di eGFR e albuminuria con danno renale in un ampio numero di studi, concludendo che eGFR ridotto e aumentato rapporto albumina/creatinina sono fattori di rischio consistenti e forti di danno renale, mentre le associazioni con età, sesso e razza possono essere più deboli nelle fasi più avanzate della malattia.

L'aumento della vulnerabilità del microcircolo glomerulare a una pressione arteriosa sistemica elevata potrebbe contribuire agli effetti avversi dell'obesità sul rene. Può l’obesità modificare l'associazione tra pressione sistolica sBP  e albuminuria? Ce lo dice l’analisi dei dati dallo studio di coorte americano National Health and Nutrition Examination Survey 1999-2010.

La relazione tra obesità e albuminuria [escrezione frazionata di albumina (FE alb) o rapporto albumina/creatinina (ACR)] è stata modellata utilizzando la regressione lineare / logistica (N = 23 710). Le associazioni tra pressione arteriosa e albuminuria sono state esaminate dividendo la popolazione in quintili di circonferenza della vita e indice di massa corporea (BMI).

I risultati di questa analisi confermano che l’obesità è associata ad albuminuria attraverso un'interazione con la pressione arteriosa sistolica. Tra i partecipanti al quarto / quinto quintile della circonferenza della vita ogni aumento di 10 mmHg di sBP è stato accompagnato a circa il doppio dell'incremento di FE alb osservato tra quelli in quintile 2.

C'era anche evidenza di una soglia inferiore di sBP per la relazione tra sBP e albuminuria nell'obesità. Mentre FE alb è aumentata con sBP> 110 mmHg nel quintile 5 della circonferenza della vita, nel quintile 2 FE alb non è aumentata fino a quando sBP era> 130 mmHg.

L'interazione tra sBP e obesità supporta la premessa che l'obesità sensibilizza il rene ad un aumento della pressione sanguigna sistemica.

Un altro buon motivo per combattere sovrappeso e obesità!
 

Autori: Fotheringham J, Kawar B, McKane W, Ellam T.
Fonte: Nephrol Dial Transplant. 2017 May 30. doi: 10.1093/ndt/gfx081. 
Link della fonte: https://academic.oup.com/ndt/advance-article-abstract/doi/10.1093/ndt/gfx081/3858398?redirectedFrom=fulltext