|

martedý 29 ottobre 2019

Depressione addio con dieta sana

Bastano 3 settimane!

NUTRIZIONE
imm3L’evidenza epidemiologica che una dieta carente è associata alla depressione è molto forte. È stato anche dimostrato il contrario, vale a dire che una dieta sana ricca di frutta, verdura, pesce e carne magra è associata a un ridotto rischio di depressione. 
 
Ad oggi, è stato condotto solo uno studio randomizzato controllato su persone con elevati sintomi di depressione. Questo studio ha dimostrato che un intervento dietetico può ridurre i livelli clinici di depressione, ma in adulti over 40. 
Nessun RCT di questo tipo è stato eseguito nella classe di età 17-35, un periodo della vita in cui da una parte vi è un aumento del rischio di insorgenza di quadri depressivi e, dall’altra, si formano e maturano le proprie abitudini alimentari
 
I giovani adulti con livelli elevati di sintomi della depressione e che consumano abitualmente una dieta ricca di zuccheri, grassi saturi e cibi trasformati sono stati assegnati in modo casuale a un breve intervento dietetico di 3 settimane o a dieta abituale come controllo. 
Le misure di esito primarie e secondarie valutate al basale e dopo l'intervento includevano sintomi di depressione (Center for Epidemiological Studies Depression Scale; CESD-R; and Depression Anxiety and Stress Scale– 21 depressione subscale; DASS-21-D), umore attuale (Profilo degli stati d'animo), autoefficacia e memoria (test di apprendimento verbale di Hopkins).
La compliance alla dieta è stata misurata tramite questionari e spettrofotometria. 
Al completamento dello studio, c'erano dati completi per 38 individui in ciascun gruppo. 
Vi è stata una buona conformità con le raccomandazioni di intervento dietetico valutate usando l'auto-report e la spettrofotometria  e depressione. Il grado di depressione è stato mantenuto più basso anche alla successiva telefonata di follow-up 3 mesi dopo. 
 
Questi risultati sono i primi a dimostrare che i giovani adulti con elevati sintomi depressivi possono impegnarsi e aderire a un intervento dietetico e che ciò può ridurre i sintomi della depressione. 

 
Autori: Francis HM, Stevenson RJ, Chambers JR, Gupta D, Newey B, Lim CK
Fonte:  PLoS ONE 2019. 14 (10): e0222768. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0222768
Link della fonte: https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0222768