|

martedì 30 maggio 2017

Piccantissimo

Peperoncino aiuta il microbiota

NUTRIZIONE
imm1L'endotossemia metabolica proveniente da un microbiota enterico disbiotico è stata identificata come mediatore primario per innescare l'infiammazione cronica di basso grado responsabile dello sviluppo dell'obesità.  La disbiosi è un importante attore nella patogenesi dell’infiammazione cronica di basso grado che media lo sviluppo dell'obesità.

La capsaicina (CAP) è il principale bioattivatore nei peperoncini (il gusto piccante) e ha potenti funzioni anti obesità. I meccanismi che collegano questo effetto al microbiota intestinale rimangono oscuri.

E’ stato condotto un esperimento in topi alimentati con una dieta ad alto contenuto di grassi integrati con CAP: presentano livelli inferiori di endotossemia metabolica e infiammazione con un aumento del peso corporeo più basso rispetto ai topi alimentati con una dieta ad alto contenuto di grassi.

Le risposte del microbiota sono state esaminate mediante sequenza 16S rRNA, misurazione degli acidi grassi a catena corta e ricostruzione filogenetica degli stati non osservati (PICRUSt).

I risultati hanno dimostrato, tra l'altro, che la CAP dietetica ha indotto un aumento dei livelli di Ruminococcaceae e Lachnospiraceae che producono butirrato, mentre ha causato livelli inferiori di membri della famiglia S24_7 produttrice di lipopolisaccaridi . L'analisi delle funzioni previste (PICRUSt) ha mostrato l'esaurimento di geni coinvolti nella sintesi di LPS batterica in risposta alla CAP.

L'inibizione del recettore cannabinoide di tipo 1 con CAP contribuisce anche alla prevenzione della disfunzione della barriera intestinale indotta da una dieta ricca di grassi.

Inoltre, l’eliminazione del microbiota tramite cocktail di antibiotici ha bloccato gli effetti della capsaicina, nei topi.

Esiste quindi una interazione tra la CAP e il microbiota intestinale: un nuovo meccanismo per l'effetto anti obesità della CAP potrebbe essere basato sulla prevenzione della disbiosi microbica, della disfunzione della barriera intestinale e dell'infiammazione cronica di basso grado.


Autori: Kang C, Wang B, Kaliannan K, Wang X, Lang H, Hui S, Huang L, Zhang Y, Zhou M, Chen M, Mi M
Fonte: MBio. 2017 May 23;8(3).
Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28536285

 
Dietosystem, da sempre a fianco dei nutrizionisti italiani, ha appena rilasciato una nuova versione della Suite Nutrizionale, il software che fa da cassetta degli attrezzi per il professionista della nutrizione.

Scopri qui cosa c’è di nuovo nell’aggiornamento 15.0!!

In particolare è disponibile il nuovo modulo DISBIOSI INTESTINALE con 5 codici patologia specifici (IBS con prevalenza diarrea; IBS con prevalenza stipsi; IBS con alvo alterno; LGS; SIBO) e relative schede sinottiche e di counselling.

Inoltre, per tutti gli ingredienti presenti in banca dati è stata indicata la presenza di uno o più FODMAP (= Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides, Monosaccharides and Polyols) con la possibilità di monitorare e commentare la sintomatologia del paziente in seguito a esclusione/riammissione degli alimenti nella dieta.

Ulteriori informazioni qui.