|

martedý 30 giugno 2020

Accetta la sfida

Urgenza di perdere peso, ecco come fare

NUTRIZIONE
Immagine bilanciaSiamo stati fermi per mesi, chiusi in casa a sfornare pane e pizze, e ora qualche chilo di troppo si fa sentire. Ora che la prova costume, dietro alle mascherine, si avvicina, i nutrizionisti si trovano di fronte alla grande sfida: far perdere peso in fretta ai propri pazienti. Quale dieta può soddisfare questa esigenza? La chetogenica.

La dieta chetogenica ha dimostrato da molti anni grandi successi nella terapia dell’obesità.
Sono diversi i protocolli in uso, ma quello che Dietosystem consiglia si basa su un programma in fasi, che comincia con una fase d’attacco in cui l’introito calorico è molto basso, quasi privo di carboidrati e supplementato con le proteine del siero del latte, che contribuiscono a mantenere la massa magra, senza apportare i Sali e i grassi delle proteine degli alimenti convenzionali.

La dieta chetogenica a bassissimo contenuto calorico (VLCKD) è stata proposta come opzione promettente per ottenere una perdita di peso significativa in un breve periodo di tempo.
Una revisione sistematica e meta-analisi ha recentemente analizzato la sua efficacia e sicurezza nei pazienti con sovrappeso e obesità.
Sono stati selezionati studi che riportavano dati su peso corporeo, indice di massa corporea (BMI), circonferenza della vita, composizione corporea, pressione sanguigna, HbA1c, lipidi e marker di funzionalità epatica e renale. È stata inoltre valutata la compliance dei pazienti. Sono stati inclusi dodici studi.
VLCKD è stata associata a perdite di peso di -10,0 kg (I2 = 6%) e -15.6 kg (I2 = 37%) in studi con una fase chetogenica fino a, e di almeno, quattro settimane, rispettivamente.
Il peso perso durante la fase chetogenica era stabile nel follow-up successivo fino a due anni (p = 0,12). Inoltre, VLCKD è stata associata a riduzioni di BMI (-5,3 kg / m2), circonferenza vita (-12,6 cm), HbA1c (-0,7%), colesterolo totale (-28 mg / dl), trigliceridi (-30 mg / dl) , AST (-7 U / l), ALT (-8 U / l), GGT (-8 U / l), pressione sistolica e diastolica (rispettivamente -8 e - 7 mmHg).
Non sono stati riscontrati cambiamenti nel colesterolo LDL, colesterolo HDL, creatinina sierica, acido urico sierico e potassio sierico.
La prevalenza complessiva dei pazienti che hanno interrotto la VLCKD è stata del 7,5% e questo era simile ai pazienti sottoposti a dieta ipocalorica (p = 0,83).
 
Insomma, questi risultati suggeriscono l'uso di VLCKD come strategia efficace per la gestione del sovrappeso e dell'obesità, soprattutto in sole 4 settimane! La supervisione e i controlli effettuati dal nutrizionista sono fondamentali per dimagrire in salute.
 
Sfida accettata!
 

Autori: Marco Castellana, Eleonora Conte, Angelo Cignarelli, Sebastio Perrini, Andrea Giustina, Luca Giovanella, Francesco Giorgino, Pierpaolo Trimboli
Fonte: Rev Endocr Metab Disord. 2020 Mar;21(1):5-16.  doi: 10.1007/s11154-019-09514-y.
Link della fonte: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31705259/

Per una gestione corretta del sovrappeso tramite la dieta chetogenica, vi offriamo il caso di Maria, 41 anni,  che decide di rivolgersi a un nutrizionista  per migliorare il proprio aspetto fisico e ridurre il proprio stato di ansia