|

martedì 30 giugno 2020

Risposte postprandiali al cibo e nutrizione di precisione

La personalizzazione della terapia alimentare passa attraverso la genetica, ma non solo… ecco perché la diagnostica è la base per una dieta efficace e di successo

Ricerca Clinica e di Base
Immagine geneticaLe risposte metaboliche al cibo influenzano il rischio di malattia cardiometabolica, ma mancano studi su larga scala. 

Un folto gruppo di ricercatori ha reclutato n = 1.002 gemelli e adulti sani non correlati nel Regno Unito nell’ambito dello studio PREDICT 1 valutandone le risposte metaboliche postprandiali in ambito clinico e a casa. 

E’ stata osservato una grande variabilità inter-individuale (misurata dal coefficiente di variazione della popolazione (sd / media,%)) nelle risposte postprandiali dei trigliceridi nel sangue (103%), glucosio (68%) e insulina (59%) dopo pasti identici. 

Sono stati fattori specifici della persona, come il microbioma intestinale, ad avere avuto un'influenza maggiore (7,1% di varianza) rispetto ai macronutrienti dei pasti (3,6%) per la lipemia postprandiale, ma non per la glicemia postprandiale (6,0% e 15,4%, rispettivamente); le varianti genetiche hanno avuto un modesto impatto sulle previsioni (9,5% per glucosio, 0,8% per trigliceridi, 0,2% per C-peptide). I risultati sono stati validati in modo indipendente in una coorte statunitense ( n = 100 persone). 

A seguito di queste osservazioni, i ricercatori hanno sviluppato un modello di machine learning che prevede sia le risposte postprandiali in trigliceridi ( r  = 0,47) che glicemiche ( r = 0,77) all'assunzione di cibo

Questi risultati possono essere informazioni preziose per lo sviluppo di strategie dietetiche personalizzate.


Autori: Sarah E. Berry, Ana M. Valdes, David A. Drew et Al.
Fonte: Nat Med 26, 964-973 (2020). https://doi.org/10.1038/s41591-020-0934-0
Link della fonte: https://www.nature.com/articles/s41591-020-0934-0