|

mercoledý 31 luglio 2013

Grassi del pesce proteggono dal tumore mammario

Acidi grassi polinsaturi del pesce proteggono dal rischio del tumore mammario, evidenzia recente meta-analisi.

olio pesce tumore

La categoria di grassi contenuti nel pesce sembra proteggere dal rischio di sviluppo del tumore mammario. È questa la conclusione di un recente studio condotto dai ricercatori del dipartimento di scienze degli alimenti e della nutrizione della Zhejiang University in Cina.

L’effetto protettivo sarebbe direttamento attribuibile all’abbondante countenuto nei tessuti del pesce di acidi grassi polinsaturi del tipo omega-3 (n-3 PUFA), come dimostrato da una relazione dose risposta tra il livello di assunzione di questi alimenti e il grado di protezione contro la patologia.

Questi risultati, presentati sulla rivista British Medical Journal, derivano da un’accurata analisi della letteratura scientifica condotta sui principali database online (PunMed, Embase) dai quali sono stati selezionati 21 studi particolarmente informativi sulla relazione tra il consumo di specie ittiche marine e l’incidenza del carcinoma mammario. In totale, gli autori hanno valutato i dati relativi a 883 585 partecipanti e 20 905 casi di tumore.

I ricercatori hanno potuto chiaramente constatare che gli individui caratterizzati da un più elevato consumo di pesce presentavano un rischio del 14% inferiore di sviluppare la patologia rispetto a coloro che consumavano dosi più basse. Un’accurata stima dell’effetto dose risposta indicava, inoltre, che per il consumo di 0,1 grammi aggiuntivi giornalieri di pesce, il rischio del tumore si riduceva dello 0,5%.

Source:Ju-Sheng Zheng, Xiao-Jie Hu, Yi-Min Zhao et al. Intake of fish and marine n-3 polyunsaturated fatty acids and risk of breast cancer: meta-analysis of data from 21 independent prospective cohort studies BMJ 2013; 346